bianca e nera, cogli le differenze tra violenze


Si può sostenere che la violenza nera è levatrice di un nuovo ordine sociale mentre la violenza bianca è una minaccia incombente per la democrazia? In democrazia è la volontà popolare a dover essere sempre ed in ogni circostanza rispettata. In America, come in Italia invece, per la sinistra la volontà popolare coincide con il Governo delle oligarchie. Quando il voto esprime un orientamento opposto, allora devono scattare tutti gli allarmi e le misure approntate dal sistema di controllo ideologico-culturale per rovesciare l’ordine costituito dalla volontà maggioritaria degli elettori. E’ quanto accade ad esempio in Italia, dove la sinistra ed il versante più ampio liberal-progressista, governa da dieci anni senza mai essere uscito vittorioso dalle urne. La violenza non c’appartiene, ribadiscono sul fronte opposto i liberal-conservatori dopo gli incresciosi episodi di assalto al Parlamento di Washington. Il passo falso di Trump, che in tutta evidenza è stata una azione a fini di propaganda risoltasi in gesta di autolesionismo politico con morti e feriti, avrà ripercussioni negative su tutte le destre mondiali. Che non ci fosse un’azione insurrezionale preordinata, lo dimostra la mancata adesione delle forze armate. Le stesse forze di polizia del distretto di Washingthon, pur sospettate di complicità, non sono rimaste impassibili. Molti agenti hanno avuto un moto di reazione che ha fatto morti e feriti anche tra le file della sicurezza. Non bastano infatti gli straccioni, perché vada a buon fine un colpo di Stato è necessario che l’esercito sia schierato con il golpista. Tanto dimostra che un accusa di alto tradimento mossa contro Trump, non reggerebbe in un aula di Giustizia a qualuque latitudine. D’altronde, non si può nemmeno sbrigativamente tacciare di sola ignoranza l’assalto degli insorti di Washington. Significherebbe chiamare fuori dalle responsabilità, la politica. La spavalderia con la quale gli assalitori hanno travolto la prima linea di sbarramento della Polizia del Campidoglio, sta a dimostrare che si sentivano sicuri di avere un popolo dietro a sospingerli. Un popolo composito di rurali esclusi, di emarginati, di operai delle zone industriali in declino colpiti duramente dai processi di delocalizzazioni competitive. Le masse più autenticamente americane a cui Trump ha saputo dare voce e politiche di tutela che avevano di fatto azzerata la disoccupazione e che oggi con il duo liberal Biden-Harris richiano di essere espulsi dai processi produttivi. Quelli sprovveduti, cercavano un Cesare. Vagheggiavano un capo che li riscattasse e Trump in fondo, non poteva esserlo. Quelle stesse masse popolano anche la Penisola, trascurarle ancora a lungo, potrebbe risultare un grave, imperdonabile errore. Non è importante invece per alcuni alcuni che al Governo siano eletti i migliori. Fondamentale è che il sistema abbia strumenti di tenuta complessiva robusti, in grado di arginare le pulsioni di colui che è stato portato al vertice, come ha dimostrato il sistema americano che ha saputo disinnescare le spinte eversive del Presidente. Anche in Italia c’è una destra moderata che aspetta solamente un nuovo demiurgo, libero da conflitti di interessi e capace di riportarla alla luce. Una destra borghese che stemperi le vibranti emozionali del populismo autoritario. Dove sia questa destra non si sa. Forse Continua a leggere

FacebookTwitter
Pubblicato in politica | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

quella complessità che si risolve sempre in una fregatura per noi

I problemi sono complessi. La società aperta, globale non ha soluzioni semplici. La nostra è una società complessa. Quante volte avete letto od ascoltate in TV simili affermazioni uscite dalle bocche forbite di giornalisti, politici, maitres à penser, di quelli pagati non per suggerire soluzioni ordinate ed efficaci, ma per problematizzare situazioni che molto spesso andrebbero a soluzione con uno sforzo modesto, se solamente si volesse. Invece, i problemi che ci affliggono non hanno soluzioni, a sentir questi scienziati devono restare sospesi a mezz’aria, contemplati per decenni in attesa che tutti siano d’accordo come se la storia delle nazioni non fosse la risultante dei rapporti di forza, ma fosse stata scritta da consessi tanto innocui, quanto inutili. Prendiamo i temi della immigrazione ad esempio, o quelli dell’Europa che affliggono la politica italiana, oppure quelli economici che investono tutti e che appaiono irrimediabilmente compromessi dalla globazzazione epidemica che forse a frontiere controllate non c’avrebbe aggrediti virulentemente. Temi complessi, di difficile soluzione, ci spiegano i pensosi intellettuali che osservano le cose di questo mondo molto spesso pensando ad un altro mondo. Il mondo che piacerebbe loro, disegnato perfetto da menti raffinate e colte, che però non si sono mai misurate su questa terra umile e sporca:  l’Italia da sola non può riuscire a risolvere, non può farcela, deve aspettare il concerto dei paesi che decidono in sua vece. Benissimo: è complesso riportare a casa i migranti economici di cui non abbiamo bisogno. Poi si viene a sapere che l’Australia, la democraticissima, liberale, sovrana Austrialia decide per sé e risolve con efficace determinazione il problema. Li rifocilla, li cura, gira la prua e li riaccompagna a casa. Dolcemente, per mare, da dove sono arrivati. Tutti insieme per non farli sentire soli. L’Italia invece aspetta che a dipanare questa complicata matassa siano le organizzazioni internazionali, le ONG, le quali in via equitativa rispondono con un intrigato reticolo ordinamentale di Trattati, Convenzioni, Carte dei diritti mai dei doveri, chissà poi perché, accordi per i quali la sola ed unica soluzione è quella di mantenerli sulle amate sponde dal mite clima peninsulare. Tutti soddisfatti: ONU, UE, FMI, Lega araba, Commissione, Governo e giovani sani, forti e robusti in cerca di avventure provenienti dai quattro angoli della terra, i quali saranno ben lieti di essersi liberati delle frange di disagio sociale, dei “sans papiers” e saperli affidati alle cure umanitarie dell’accogliente Italia, pronta a toglierselo di bocca per darlo loro. Che Dio la benedica e la mantenga nella Sua Gloria in aeterno. Epperò anche noi riceviamo dalla solidarietà internazionale, ci raccontano. I miliardi in prestito messi a disposizone dalla Commissione sono un passo importante nella direzione della integrazione europea. Un segno tangibile di solidarietà in favore dell’Italia che altrimenti non disporrebbe degli strumenti per uscire dalla crisi economica seguita all’epidemia del covid-19. Leggi, leggi, studia i dati, pensa e scoprirai che l’Unione Europea non si è mossa di sua sponte, ma perché ispirata dalla Germania. La stella polare di Bruxelles nel cercare la soluzione del “recovery plan”, ha seguito un semplice ragionamento: il covid ha frenato la Cina. Le nostre esportazioni hanno registrato un brusco calo. In questo scenario sarà bene compensare le perdite ad oriente con una ripresa delle esportazioni a occidente verso i nostri vicini. In fondo la Germania ha sussidiato le sue imprese con l’intermediazione della UE che concede prestiti ai suoi competitori perché riprendano a consumare. Una politica ben collaudata. Ricordate i prestiti delle banche tedesche ai consumi della Grecia? Poi rientrati con l’intermediazione del Fondo salva Stati dove Mario Monti verso’ 60 miliardi di quota parte italiana che salvarono Atene dal default perché prontamente girati alle creditrici Deutschen Banken. Ed è stata ancora la Germania a promuovere il nuovo accordo siglato tra Cina ed Unione Europea. Se il sistema globale post covid non Continua a leggere

FacebookTwitter
Pubblicato in economia, politica | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

il leviatano della next generation eu


Se la politica s’impradonisce del recovery fund, con CDP nel ruolo che fu della IRI, Giavazzi prevede che sarà l’ultima delle tante occasioni sprecate per lo sviluppo dell’Italia. Più Stato o più mercato per far ripartire la crescita? Annoso dilemma. Lo Stato azionista non è una soluzione idonea per il liberista classico, perché il padrone pubblico punta naturalmente alla rendita di posizione, garanzia di facile consenso diversamente dall’investitore privato, che rischia in proprio e pur di conquistare nuove fette di mercato è obbligato ad innovare. Riconosce però che in Italia, come in Francia, vi sono alcune eccezioni nelle quali lo Stato imprenditore è riuscito a mantenere separate la politica dalle finalità dell’ impresa, come ad esempio Enel ai cui amministratori, pur nominati dal Tesoro, è stata opportunamente concessa autonomia operativa ed indipendenza di valutazione tanto da fare dell’impresa pubblica un competitore dell’energia su scala mondiale. Eccezioni per l’appunto. Di regola, osserva il liberista, l’impresa pubblica fallisce i suoi scopi, vedi Alitalia, nella quale lo Stato ha investito tanto ed ottenuto nulla sia in termini di profitto, sia di servizi. Anche l’impresa privata, però ha miseramente fallito quando si è cimentata con le concessioni pubbliche e l’industria strategica, vedi Autostrade ed Ilva, casi emblematici nei quali l’ingordigia del privato ha prevalso irrimediabilmente sulla sicurezza e l’incolumità della comunità nazionale. Quindi, s’è vero che il capitalismo è distruzione e rinascita di ricchezza, è anche vero che sottrarre la materia umana dai costi, non genera profitto, piuttosto stragi e morte sicura. C’è poi un altro fattore che non va trascurato nell’affidamento delle risorse del recovery plan e l’esperienza che fu propria della IRI ci soccorre. Gli investimenti dovranno essere redditizi e rilanciare l’economia, oppure una quota significativa di queste risorse dovrà essere impiegata per recuperare allo sviluppo ed alla produttività aree emarginate della penisola? Se a Giavazzi non fosse sufficientemente chiaro, gli rendiamo noto che il nostro meridione, sciolta l’IRI  e svenduti i suoi marchi sul mercato globale, è rimasto letteralmente desertificato. Alla sua gioventù, autentico patrimonio nazionale, non è stata offerta più alcuna occasione di riscatto e di futuro. Si è pensato che anche le sue intelligenze ed abilità, potessero essere ragionevolmente mortificate dall’emigrazione qualora non avessero accettato l’impiego nei servizi turistici. Oggi la pandemia ci ha insegnati che non c’è libertà d’impresa se una parte della nazione è trascurata dal capitale che sia pubblico, che sia privato. I soli servizi non reggono una economia. Di soli servizi non vive una nazione. Dobbiamo ricrederci nostro malgrado e rivalutare la lungimiranza di quella classe politica di mariuoli che si finanziava a mazzette e che però seppe industrializzare ed infrastrutturare il nostro meridione. Il Continua a leggere

FacebookTwitter
Pubblicato in economia, politica | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

greco-romana e Cristiana, come la fantasia può aggredire una civiltà superiore

Viene dai “college” americani l’imperio fantastico che va sotto il nome di “politicamente corretto”. Una vera e propria architettura artificiale di subcultura eretta perché la millenaria civiltà superiore, quella greco-romana, alla quale il mondo occidentale deve i suoi traguardi, potesse espiare le sue presunte colpe non a fine di redenzione, ma per poterla più velocemente destrutturare e soppiantarla con un modello sperimentale di ingegneria sociale immaginato dai pensatoi liberal-progressisti come strumento contemporaneo di nuova uglianza delle minoranze. Una società a compartimenti, nella quale le diversità rinunciano a rincorrere l’universalismo assumendo per emulazione il modello di civiltà più raffinato, ma convivono ripiegate nel bozzolo primigenio che non solamente si perpetua, ma avanza pretese di risarcimenti per condanne che mirano a rimuovere i segni più avanzati degli approdi occidentali. Un’aggressione, quella del “politicamente corretto”, che non si fa scrupolo di criminalizzare il dissenso e la libertà di espressione con la ghettizzazione ed il ripudio sociale; la censura e la mistificazione persecutoria delle realtà obiettive. Metodi che richiamano alla mente l’odio marxista per la borghesia. Una grave formula di Continua a leggere

FacebookTwitter
Pubblicato in attualità, politica, società | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

covid-19, no vax e globalisti se la vedranno brutta nei prossimi anni

Ad eccezione del vaiolo, non abbiamo mai sconfitto un virus ed il sars-cov-2 è un vero portento, un parassita poderoso dal genoma tre volte maggiore dell’HIV, con le parole schiette e semplici proprie della scienza, Maria Rosaria Capobianchi, la scienziata da venti anni alla guida dei laboratori dello Spallanzani, rende onore alla virologia e fa giustizia di tutte le ideologie mondialiste che negli ultimi decenni hanno minato le fondamenta delle civiltà democratiche. Procidana, di umili origini, la sessantasettenne Capobianchi, dalle cui parole anche i ragazzetti di “Fridays For Future” potrebbero trarre utili insegnamenti piuttosto che trastullarsi nelle illusioni destinate a cadere miseramente con la maturità, ci chiarisce che le robustezampette con le quali il covid-19 afferra e s’impadronisce delle nostre cellule polmonari sono pericolosissime e difficili da mozzare. Entra come un ladro che ha il doppione delle chiavi di casa e ne esce solamente quando ha completato la sua razzia svuotando la cellula di ogni “avere”, al solo fine di moltiplicarsi e passare alla successiva. Ci costringerà a vaccinarci ogni anno, analogamente a quanto accade per l’influenza infatti, sarà necessario tarare il vaccino perché risulti efficace a prevenire le sue modificazioni. Ma le parole asciutte della dottoressa Capobianchi poi, fanno giustizia di ogni teoria cospirativa e smontano pezzo dopo pezzo l’architettura della società aperta senza confini che darebbe uno slancio come mai nella storia, al progresso ed alla pace. Il virus ha camminato con i viaggi, afferma. Non ha attaccato gli italiani perché anziani o perché amano particolarmente la vita di relazioni. E’ giunto nella penisola sulle gambe di soggetti  estranei al contesto. Una minaccia portata dall’esterno che Continua a leggere

FacebookTwitter
Pubblicato in attualità, politica, società | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

i tormenti di Pulcinella


Da Gentiloni a Meloni, da Salvini a Lamorgese, che cosa volete che ne sappiano della città ribelle? Poco o nulla. Un festival di luoghi comuni e stucchevoli ammonimenti. Sproloquiano di democrazia. C’inflazionano di vergogna che alcuno in realtà avverte. Si schierano solidali con le Forze dell’Ordine pubblico che nella mischia sono risucchiate d’ufficio, ma non sono l’oggetto della protesta. La buttano in camorra, che viene buona per spiegare ogni fallimento, ogni trascurato interesse all’agire politico. Quella di sabato scorso invece è stata la città di sempre. La città che si è sedimentata nel corso dei secoli. Quella città che prova con la minaccia pittoresca della insurrezione a scuotere il potere costituito, ma che in realtà è fragile, scomposta, precaria, costretta a vivere di onesto lavoro nero. La città che propone da secoli gli stessi sterili rimedi ai suoi problemi sociali e culturali ancor più gravi se vogliamo, rimedi immutabili che hanno attraversato le generazioni per stanca emulazione. Una città dove vigono condizioni di lavoro diffuse che a Bruxelles finiranno un giorno per essere considerate competitive forse, buone per i mercati globali ed alle quali a Roma si sono rassegnati, quasi assunte al patrimonio dei saperi e delle vocazioni locali. Di quale camorra parlano? I guappi di cartone scesi dai quartieri armati dei soli botti di Maradona, sono in gran parte dei poveracci che si arrabattono in mille mestieri messi in palio dalla economia informale di sussistenza. L’insurrezione dei tricche-tracche non è stata ispirata dalla criminalità organizzata, bensì indotta da un modello che ha affidato lo sviluppo di una metropoli di tre milioni e mezzo di abitanti alla economia dell’appetito; l’economia dei servizi ai tavoli e del caffé al banco dove lo scugnizzo intelligente cattura il turista di passaggio che sbarca dalle navi crociera con la simpatia del calore umano rappresentato in modalità e forme teatrali. E’ stata questa la città ch’è scesa a Santa Lucia per dire al pulcinella di turno di non prendersi sul serio; di non rinchiuderla in casa; di Continua a leggere

FacebookTwitter
Pubblicato in politica | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Copasir, invito a dedurre per Conte ad urne chiuse

Ad urne chiuse, il Conte tacchia è stato convocato al Copasir, il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica. Non sarà un incontro formale, promettono i senatori ed i deputati di maggioranza ed opposizione, componenti paritari dell’organo di controllo e vigilanza sull’operato dei servizi informativi, più volgarmente romanzati dalla letteratura e dal cinema come servizi segreti che forse meglio rendono l’idea di una orgazzazione che agisce nella riservatezza ed i cui funzionari operano sotto copertura. Articolazioni di questi servizi, in passato, si sono rese più volte protagoniste di devizioni dai compiti istituzionali di salvaguardia della Repubblica; come di collusioni con organizzazioni criminali e quando non anche di tentativi alquanto velleitari di rovesciamento del regime democratico. Ecco perché il Conte tacchia sarà chiamato a spiegare i motivi per i quali ha tentato di modificare le norme di nomina dei capi servizi in scadenza con un evidente intento di fidelizzazione personale introdotto surrettiziamente nel Decreto emergenza covid al punto che dal Colle si è lasciato che trapelasse un irritato disappunto. Materia incandescente quindi, quella che vedrà impegnato il nostro Conte tacchia, martedì 22 settembre, non a caso il giorno dopo le regionali all’ora che tutte le TV ed i mezzi di informazioni saranno impegnati a battere ed illustrare scenari politici che potrebbero verosimilmente vedere il Governo Conte II in rotta per il declino definitivo. Dovrà dunque dare prova, il Presidente del Consiglio, di tutta quanta la sua bravura di avvocato di sé stesso e magari non basterà la fumosa eloquentia barocca per convincere l’opposizone e la maggioranza che lo tiene sospeso a palazzo Chigi, che la sua determinazione a chiedere il voto di fiducia pur di far passare la riforma dei servizi senza un confronto ed un dibattito a viso aperto nelle aule parlamentari, non avesse altri fini che quelli di una prorogatio tecnica in un momento di estrema emergenza prioritaria per il paese. Che cosa voleva farci coi servizi, Continua a leggere

FacebookTwitter
Pubblicato in attualità, politica | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Occidente sconfitto dalla pandemia, cede il primato all’Asia

La pandemia ha messo sotto scacco non solamente l’Europa, ma l’intero occidente che ha finito per cedere il suo primato all’Asia. Una circostanza sconvolgente, unica nella storia bimillenaria delle civiltà occidentali. Corea del sud, Taiwan, Singapore, Nuova Zelanda e la stessa Cina sono state in grado di adottare strategie tempestive ed ottenere risultati di gran lunga migliori sia in termini di contenimento e cure sanitarie, sia sotto il profilo economico e di ripresa produttiva rispetto ai paesi occidentali. Come per una sconfitta militare, la pandemia è stato un campanello di allarme per l’intera società occidentale e per i suoi Governi che si sono rivelati del tutto inadeguati alle nuove sfide. Nel continente americano si è potuto verificare che così come sono organizzate, le società non funzionano. Molti tra i deceduti, erano poveri, non coperti da alcuna assistenza sanitaria. In Europa ed in particolare in Italia, sono stati i Governi invece a non funzionare, a mostrare la corda, a denunciare i limiti di soluzioni ancorate alle vecchie misure socialiste di spesa universale finanziata a debito a vantaggio anche delle classi agiate. In Europa il coronavirus ha denunciato che i Governi sono incapaci di adottare  strategie nuove ed efficaci di approccio alle emergenze. Date le condizioni, il mercato sta rispondendo positiviamente, ben felice oggi di finanziare anche paesi con un debito pregresso mostruoso, ma domani, Continua a leggere

FacebookTwitter
Pubblicato in economia, esteri | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 1 commento

Draghi promette di seppellire il sovranismo, se lo mettono al Colle

PIL a picco; debito pubblico, buono o cattivo che dir si voglia, alle stelle; 1,5 milioni i disoccupati previsti, è alle porte il redde rationem d’autunno e molti, trasversalmente, pensano a Draghi. Finanche l’opposizione non trova motivi per non puntare su big Mario al Colle. L’ultimo italiano che gode di prestigio internazionale ed ascolto presso le Istituzioni finanziarie che governano l’economie globali. Il solo, forse, in grado di poter imporre misure che la classe poltica alle prese con il consenso a breve, fatica a deliberare. Ma Draghi non è Monti, precisa Brunetta, quasi a voler rassicurare che Draghi non verrebbe per tagliare e tassare, quanto piuttosto per impiegare produttivamente le risorse del famigerato “recovery fund ” negli investimenti infrastrutturali utili allo sviluppo. Di più, Draghi ha smorzato e seppellito le aspirazioni dei sovranisti. Dell’intervento tenuto al “meeting” di Rimini infatti, pochi hanno posto l’accento su affermazioni non trascurabili dello scenario post covid inevitabile prossimo venturo. Se lo vorranno al Colle (meno probabile a palazzo Chigi considerato il profilo austero e distaccato dalle ribalte pubbliche di un PdC), Draghi, dopo aver accarezzato l’opportunità di fare debito e sospendere le regole di finanza pubblica che ci hanno guidati fino all’arrivo della pandemia, ha puntualizzato che superata la sfiducia e usciti dall’incertezza della crisi, bisognerà ridisegnare il futuro col ritorno alla responsabilità delle regole. Insieme alle regole, Draghi prevede il riposizionamento alle coordinate di sempre: Europa; multilateralismo; sistema di giurisdizione sovranazionale! Quindi, chi pensava di poter cambiare il mondo servendosi di Draghi, può mettersi l’anima in pace. E’ stata questa la lettura di Draghi proposta dai grandi media? Neanche per idea. Avete invece letto che big Mario è l’ultima fiche che l’Italia può giocarsi per non cadere nel precipizio del fallimento. Vero, ma solamente in parte. Draghi sarà l’ultima carta da giocarsi se dopo il covid si dovesse restaurare il mondo che l’ha preceduto e come si può facilmente intuire leggendo le sue parole, i lavori sono già in corso, frenetici. Si sono fatti avanti senza pudore quelli stessi che dapprima ci hanno gettato nel disastro e nella confusione aprendo scriteriatamente alla globalizzazione; poi pensando di curarla con la turbomoneta ed oggi, in forza della loro esperienza (non certamente positiva), vengono a proporci il turbodebito, sommesso ed un pò snobbato, ci schiarisce le idee Giulio Tremonti.  Molto di quello che sta accadendo con la pandemia, era stato previsto nel 2010 quando al G20 si contrapposero la visione del “Governo italiano”, a quella della finanza apolide. La prima vedeva l’uscita dalla crisi, i cui effetti si sono prolungati fino all’arrivo del mostro covid ancora più feroce, nel passaggio dal mercato libero globale al commercio equo perché non è sufficiente che i prezzi siano fatti dal mercato per risultare giusti, ma che anche la produzione dei beni e dei servizi debba avere regole ambientali e sanitarie corrette ovunque. All’assemblea dell’Ocse prese dunque forma anche una bozza di Trattato internazionale denominato “global legal standard” al quale però fu preferito il “financial stability board” che poneva quale motore degli scambi la finanza che ci ha regalato dieci anni di turbocapitalismo e pensate, la guida del FSB, fu assunta esattamente da un certo Continua a leggere

FacebookTwitter
Pubblicato in economia, politica | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

i progressi di Zinga, Di Maio è intelligente

Bisogna riconoscere che in questa ultima settimana di ferragosto pandemico, Zingaretti ha fatto notevoli progressi. Si è data una statura da vero “leader” alla guida del PD. Autorevole come suo solito, ha affermato: Di Maio è intelligente. Si può solamente immaginare la felicità che avrà colto di sopresa Giggino alla lettura del Corriere. Dalle gradinate del San Paolo al Nazareno, ragazzi! Questa si chiama carriera. D’altronde il piatto del “recovery fund” è ricco. Sarebbe stato un vero peccato non accomodarsi a pranzo con Zinga e rischiare di lasciarlo andare a male nelle fauci di Salvini che l’avrebbe spartito in parti uguali tra imprese e contribuenti. Bella ed impossibile, l’alleanza con Di Maio è pur vero che non disegna un perimetro politico, ma per Zinga è un matrimonio d’interessi a carte scoperte. La sposa ha già messo in chiaro senza ritegno che pensa a come spendere la dote mettendo da parte il suocero Conte, che poverino, di parte sua aveva invece provveduto a stilare la lista di nozze negli “stati generali”. Fatiche sprecate. Alla comunione, Zinga ha preferito la separazione dei beni. Buone nuove quindi si annunciano per la destra. L’accordo strutturale stretto da Zingaretti con Di Maio riporta alla mente l’ulivo. Stavolta però la marca è di segno madurista più che prodiano. Circostanza da non sottovalutare. Una larga fetta di elettorato moderato che votava PD, potrebbe spaventarsi e preferire la destra. Una destra forte, ma comunque una destra conservatrice in grado di offrire migliori garanzie di un’avventura hippie con la Woodstock grillina. Viceversa, al M5S, dopo aver virato definitivamente a sinistra, resta poco altro spazio che contendersi i voti di sinistra che già andavano al PD. Ovunque arrivi Grillo, porta confusione ed indeterminatezza. Per la destra sarà un gioco da ragazzi rimettere ordine nelle urne, quando sarà. Questo sì ch’è tutto da vedere. Sperperi e fallimenti economici, però potrebbero accellerare i processi di esaurimento del ciclo politico hippie. Grillo dunque ha deciso di riprendere la tessera del PD che gli era stata ritirata dalla vecchia guardia dalemiana. Il M5S si avvierà lentamente all’evanescenza. Il libertario ed anarchico Casaleggio senior, Continua a leggere

FacebookTwitter
Pubblicato in politica | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento