Internet ha cambiato verso alla storia scritta per noi, ora va chiusa

Finché internet ha tessuto la rete della grande bellezza andava tutto a gonfie vele. I Governi e le classi dominanti non eccepivano alcuna riserva. Digitale, connesso e cosmopolita, l’uomo nuovo prendeva forma nel mondo del futuro come l’avrebbero voluto. Bastava un clic per mettere tutti d’accordo sulla nuova economia senza confini e barriere anche quando la frequenza automatica degli algoritmi metteva in ginocchio interi settori del lavoro e della produzione di beni e consumi. Poi ad un certo punto la gente comune, quella massa che fatica e soffre quotidianamente per vivere, ha preso confidenza con lo strumento e si è mossa. Ha compreso che in rete poteva diventare protagonista. Si è informata, ha ragionato, ha rigettato ogni conformismo benpensante ed è diventata essa stessa radio, TV e giornali. Agili, veloci, pronte a smentire e confutare, le nuove testate fatte di ficcanti e capillari pagine facebook, twitter, blog, forum e siti internet, sono sfuggite al controllo della omologazione ideologica ed hanno preso a testate il potere. Dopo lunga gestazione le opinioni pubbliche finalmente libere da condizionamenti e pressioni ideologiche, hanno partorito Trump in America e la Brexit in Europa. Apriti cielo. Non piacciano alla gente che piace. Sono saltati i piani di egemonia e controllo del pensiero. Adesso il nemico numero uno è la rete che si è ribellata ai padroni. Divenuta matura, la rete non segue più le indicazioni e gli orientamenti imposti dagli illuminati che credevano di avere finanziato strumenti di governo globali, ma si riprende i clic e ritrova il suo destino naturale. Quelli che conoscono bene l’odio per averlo lungamente propalato nei vecchi mezzi di comunicazione e praticato nelle strade e nelle piazze, da qualche mese sono in allarme. Sentono che la rete si stringe al collo sempre più stretta, li incalza fino a soffocarli e smaschera le loro menzogne. Imbarazzati non trovano altri rimedi che la demonizzazione dell’arma letale che ha cambiato verso alla storia così come l’avevano predetta: il telefonino. Benedetto fino a portarlo sul Soglio di Pietro, ora anche Bergoglio dopo averlo usato per diventare la stella cometa dei miscredenti, chiede ai Credenti di gettarlo via perché non serve Dio.

(Visited 20 times, 1 visits today)
Please follow and like us:
Questa voce è stata pubblicata in attualità, società e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *