L’ultimo taglio sarà allo stato sociale universale, poi i partiti riprenderanno la scena…

L’abbiamo imparato in quest’ultimo anno, Monti manda avanti i suoi legati Alesina e Giavazzi per preparare l’opinione pubblica ai sacrifici, ma quest’ultima anticipazione sarà per gl’italiani scioccante: i risparmi non andranno a finanziare altre spese, per la crescita NON basta tagliare gli sprechi dobbiamo ridurre le tasse a cominciare dal lavoro e quindi, dobbiamo rinunciare allo stato sociale universale. Come fare? Alesina e Giavazzi ci spiegano anche il metodo per raggiungere l’obiettivo: decidere e legiferare senza concertare con le parti sociali ed infine, vigilare durante i passaggi in Parlamento che NON vi siano cedimenti sui tagli che snaturino i provvedimenti annullando gli effetti reali come è avvenuto con le liberalizzazioni. Terminato il lavoro sporco, la politica potrà riprendersi la scena ufficialmente impegnando il dibattito nello sforzo di farci credere che siano necessari i partiti e ch’è meglio sopportare un pò di corruzione piuttosto che avere chi decide!

(Visited 8 times, 1 visits today)
FacebookTwitter
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.