L’autoassoluzione denuncia il collasso del sistema

Venti anni di retorica federalista propugnata da una minoranza c’hanno regalato una partitocrazia locale più famelica di quella nazionale che ha retto così a lungo per complicità trasversali. La moltiplicazione dei centri di spesa e soprattutto delle assemblee deliberative hanno portato la politica non in prossimità dei cittadini ma delle clientele innescando un processo normativo moltiplicatore dei guasti e generato una classe dirigente che sopravvive trincerata nel diritto parossistico all’autoreferenza inconciliabile oltre che con la morale, con i costi insostenibili. Il denaro irrompe cancellando ogni valore ed ideale al punto da dissolvere nel suo acido corrosivo la credibilità di quelle coscienze che pur si erano distinte per rigore e costumi che furono a lungo bandiera e che l’abbraccio con Berlusconi ha finito per ammainare.

(Visited 196 times, 1 visits today)
FacebookTwitter
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.