Saranno anche forti i nostri valori, ma fanno troppi morti innocenti

conte-isis-renziI nostri valori saranno anche più forti, ma contro la Germania negli ottavi di finale dei campionati europei di calcio sono restati in panchina per fare spazio ai nuovi italiani già stanchi ed esausti e le lacrime non possono bastare a giustificare la sconfitta. La classe ed il talento cristallino non si tengono ferme a guardare la disfatta nella convinzione ch’è meglio servirsi del diverso per arricchirsi e vincere le sfide della globalizzazione. E se dal calcio passiamo alla politica l’Italia tutta insieme, tutta unita finisce anche peggio: nella sconfitta continuerà a piangere anche i suoi morti. Che i nostri valori siano più forti,  l’odio ed il terrore sembrano infischiarsene finché restiamo indifferenti e facciamo finta di non capire che hanno dichiarato una guerra santa totale all’occidente peccaminoso e blasfemo. Con una buona dose di vigliaccheria continuiamo a declassare le stragi e gli assassini di massa nei luoghi del divertimento e della vita quotidiana dai ristoranti ai caffé, dalle spiagge agli alberghi, dai teatri ai night club, ad episodi di follia aspettando il prossimo attentato e non vogliamo nemmeno dimenticare le nostre amorevoli ed accoglienti ragazze impunemente mortificate a Colonia, per non dire che il dogmatismo di stampo islamico non è integrabile e da esso bisogna difendersi senza andare troppo per le linee di principio astratte, pena soccombere ed alla lunga inevitabilmente arretrare tutte le emancipazioni e le conquiste avanzate nel campo dei rapporti civili e sociali.

(Visited 81 times, 1 visits today)
FacebookTwitter
Questa voce è stata pubblicata in attualità, politica e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.