L’odio della Fallaci, per l’amore di Belpietro

Fallaci-bastardi-islamici…è un nemico che trattiamo da amico, che tuttavia ci odia e ci disprezza con intensità. Tale intensità che verrebbe spontaneo gridargli: se siamo così brutti, così cattivi, così peccaminosi, perché non te ne torni a casa tua? Perché stai qui? Per tagliarci la gola o farci saltare in aria? Un nemico, inoltre, che in nome dell’umanitarismo e dell’asilo politico (ma quale asilo politico, quali motivi politici?), accogliamo a migliaia per volta anche se i centri di accoglienza straripano, scoppiano, e non si sa più dove metterlo. Un nemico che in nome della “necessità” (ma quale necessità, la necessità di riempire le strade coi venditori ambulanti e gli spacciatori di droga?), invitiamo anche attraverso l’Olimpo Costituzionale. “Venite, cari, venite. Abbiamo tanto bisogno di voi. 

…Può l’odio essere proibito per legge? L’odio è un sentimento. E’ una emozione, una reazione, uno stato d’animo. Non un crimine giuridico. Come l’amore, l’odio appartiene alla natura umana. Anzi alla vita. E’ l’opposto dell’amore e quindi, come l’amore, non può essere proibito da un articolo del Codice penale. Può essere giudicato, sì. Può essere contestato, osteggiato, condannato, sì. Ma soltanto in senso morale. Ad esempio, nel giudizio delle religioni che come la religione cristiana predicano l’amore. Non nel giudizio d’un tribunale che mi garantisce il diritto di amare chi voglio.

…se ho il diritto di amare chi voglio, ho anche e devo avere anche il diritto di odiare chi voglio. Incominciando da color che odiano me. Sì, io odio i Bin Laden. Odio gli Zarkawi. Odio i kamikaze e le bestie che ci tagliano la testa e ci fanno saltare in aria e martirizzano le loro donne. Odio i complici, i collaborazionisti, i traditori, che ci vendono al nemico. E se sbaglio ditemi perché coloro che odiano me più di quanto io odi loro non sono processati col medesimo atto d’accusa. Voglio dire: ditemi perché questa faccenda dell’istigazione all’odio non tocca mai i professionisti dell’odio, i musulmani che sul concetto dell’odio hanno costruito la loro ideologia. La loro filosofia. La loro teologia. Ditemi perché questa faccenda non tocca mai i loro complici occidentali…

Oriana Fallaci, stralcio da “le radici dell’odio”, pubblicato da Libero quotidiano a pag. 4 del 18/11/15 in difesa della libertà di pensiero, d’opinione e d’espressione del direttore Maurizio Belpietro e di tutti noi che viltà, pavidità ed arrendevolezza vorrebbero ridurre al silenzio e vedere sottomessi.

(Visited 135 times, 1 visits today)
FacebookTwitter
Questa voce è stata pubblicata in attualità e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.