Cossutta NON molla l’oro di Mosca

Eccone un’altro di coerente e fedele alla causa rivoluzionaria. Armando Cossutta che andò in pensione ad appena 54 anni certo non male come difesa dei diritti degli operai ma, il sole dell’avvenire gli riservò anche una liquidazione da 345mila euro cui si aggiunse il vitalizio da 9600€. Voi che ne dite? Li ha difesi bene i diritti degli umuli e degli oppressi?

(Visited 19 times, 1 visits today)
FacebookTwitter
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.