Sarebbe follia scoprire di non sentirsi italiano da grande?

E’ una follia che ai bimbi stranieri non sia concessa la cittadinanza. Per La Padania è una follia non occuparsi della crisi per impegnare le Camere in una discussione che non rientra nel mandato concesso al governo tecnico. Ci mettiamo dunque anche noi sul piano della follia e proviamo ad immaginare un bimbo che cresce in una famiglia straniera nella quale gli vengono impartiti gli insegnamenti, il credo, i costumi della sua progenie e che a 18 anni scopre sul passaporto di essere italiano piuttosto che un arabo, ad esempio. Non sarebbe certamente una follia minore un simile trauma: scoprire da grandi di appartenere ad una comunità diversa da quella nella quale ci si riconosce solamente perché la povertà ci ha costretti a vivere lontani? E non è una follia tollerare qui in Italia che le donne siano letteralemtne segregate in casa e non poter integrarsi nella vita civile oppure vederle attendere un cenno dal loro uomo per scendere a prendere una boccata d’aria col viso coperto da un velo? In Francia è una follia, ed è vietata, caro Presidente. Perché non facciamo una legge per proibirlo anche da noi?

(Visited 14 times, 1 visits today)
FacebookTwitter
Questa voce è stata pubblicata in politica, società e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.