Democrazia diretta per decidere e far politica

Qualcuno ha scritto che la democrazia non è in assoluto il miglior sistema per governare ma è il migliore che al tempo si conosce. “Non vedere la crisi della democrazia, non reagire alla crisi della democrazia, comporta conseguenze assai gravi per la qualità e la moralità della politica”, ha scritto Vendola in una lettera aperta con la quale invita a predisporre i banchetti per raccogliere le 500mila firme del nuovo Referendum di abrograzione del porcellum. La “democrazia dei nominati” non si riformerà mai e la politica resterà genuflessa al mercato governato dalla speculazione. Parliamoci chiaro, non è che il popolo bue sia capace di votare liberamente e selezionare una classe dirigente degna ed onorata, abbiamo conosciuto bene le dinamiche della “democrazia portata” per 50 anni e più durante i quali gli italiani hanno votato le stesse faccie di bronzo che i partiti decidevano di far eleggere conquistando con promesse e cariche i capibastone delle sezioni ma, in ogni caso, almeno c’era la fatica di dover persuadere e telecomadare i simpatizzanti a scrivere un nome. Col porcellum, anche quest’ostacolo è stato rimosso e ad affiliare pensano direttamente le cricche. Vi ricordate “mister 100mila preferenze? Quell’illustre sconosciuto che rispondeva al nome di Alfredo Vito altrimenti detto “agenzia di collocamento”, una sorta di proto-pidiellino che con un giro di clientele e posti nelle aziende pubbliche od appaltanti riusciva a convincere un reggimento di persone a scrivere il suo nome con grande soddisfazione della DC pomiciana della Campania. Beccò una condanna per corruzione e dovette restituire il “rubato” in dieci anni di politica: circa 6 miliardi delle vecchie lire con la promessa non mantenuta di chiamarsi fuori dalla politica. Tanto per significare che abrogando il porcellum non ritorneremo nell’eden perché la democrazia dei partiti, ch’è cosa diversa dalla democrazia dei valori e del lavoro, patisce un peccato originale NON espiabile ma sicuramente si creeranno differenti equilibri che almeno ci daranno la possibilità di non vedere oche e puttane sugli scranni a rappresentarci.

(Visited 9 times, 1 visits today)
FacebookTwitter
Questa voce è stata pubblicata in attualità, politica e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

1 risposta a Democrazia diretta per decidere e far politica

  1. Pingback: Democrazia Diretta – Notizie del 2011/08/10 « Democrazia Diretta News Radar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.