Solo lo Stato può frenare il progetto della finanza eversiva per un nuovo euro

Un impero carolingio disegna per l’Europa il Financial Time, la bibbia economica-finanziaria della City. La finanza eversiva scopre le carte della speculazione ed in una pseudoanalisi storico-ecnomica rilancia l’idea di un nuovo euro per uscire dalla crisi nel quale entrerebbero solamente quelle regioni d’Europa a forte capacità produttiva sganciate dalle regioni mediterranee a ritardo di sviluppo come il meridione d’Italia. Un vero e proprio progetto eversivo ci sarebbe dietro il fuoco concentrico al debito sovrano di Grecia, Italia, Portogallo, Spagna qualcosa di peggio e di diverso dalla nota voracità dei mercati che passa sui popoli e le culture minando le economie delle nazioni pur di realizzare presto il massimo di profitto. Abbiamo una sola via di scampo da imboccare ed già stata percorsa in passato con ottimi risultati anche se fa raccapricciare i liberisti: lo Stato forte ed autorevole, che fa valere il principio di sovranità e respinge l’ideologia internazionalista della finanza intervendo direttamente sul debito e sulla moneta, ricorda Marcello Veneziani.

(Visited 14 times, 1 visits today)
FacebookTwitter
Questa voce è stata pubblicata in economia e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.