Repubblica 3.0 versione beta

bersani piangeRitorno al futuro, con una lunga e sconsolante processione i partiti della Repubblica Parlamentare piegati da lotte intestine ed intimoriti dalla voce del padrone si sono arresi inermi e falliti nelle mani del vecchio Presidente. Resto, ma si fa quello che dico io riferiscono i presenti, la condizione posta da Napolitano per accettare di proseguire. Dopo settant’anni i partiti nati dalla resistenza paralizzati dal parlamentarismo inconcludente, demoliti dal parassitismo dei loro stessi apparati, sono stati costretti a rilasciare la versione beta della III Repubblica incaricando di fatto il Presidente di formare un nuovo Governo che voteranno perché non hanno più scampo ed allora provano a salvarsi affidandosi alle ultime alchimie di un uomo esperto e navigato a cui la storia ha indicato la via maestra a dispetto dei suoi anni ruggenti. La casta ha preso tempo non possiamo illuderci che abbia ceduto ogni potere. Il pianto di un Bersani liberato dal peso di formare un governo impossibile, ma soprattutto l’entusiamo di Berlusconi sicuro di essersi slacciato le manette dai polsi come annota l’agenda dei saggi non ci devono trarre in inganno: la strada da percorrere per raggiungere la III Repubblica, la Repubblica Presidenziale sul modello francese è ancora lunga. Questa di Napolitano è solamente la versione beta con la quale la partitocrazia spera di tenere il popolo a bada in attesa di tempi migliori per restaurare i suoi poteri d’intermediazione dilatoria tra la volontà sovrana ed un Presidente non eletto.

(Visited 18 times, 1 visits today)
FacebookTwitter
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.