Per fortuna non sono politici

la pesteNON sono politici, nonostante le pressioni che da più parti giungevano al Colle per indurlo a sistemare le vecchie cariatidi della combine, Napolitano NON ha ceduto. In un Parlamento traboccante di mestieranti e mezze tacche scelte nelle secrete delle sacrestie partitocratiche, ha deciso di accendere quattro luci per restituire almeno in parte alla cultura italiana il rilievo di cui è stata defraudata nella vita pubblica. Selezionati fuori della politica per scuotere con le idee il trivio di un dibattito tra appestati che se restano senza cure rischiano di contagiare a breve ogni risvolto della vita sociale. Sono alleggerito confessa Napolitano, spiegando di aver simbolicamente puntato anche sulla baby senatrice perché possa testimoniare la tenacia ed il coraggio di lanciarsi nella ricerca vincendo le resistenze di quanti hanno paura che l’intelligenza dell’uomo possa risolvere le sfide della vita a proprio beneficio e vantaggio senza attardarsi o nutrire riserve d’intervento.

(Visited 16 times, 1 visits today)
FacebookTwitter
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.