La libertà non si paga con la menzogna

I soldi non vi mancano a leggere le carte delle Procure ed allora invece che minacciare la censura de IL GIORNALE, faccia pulizia nel PD caro Segretario Bersani. Avete 102 tra indagati ed arrestati eppure su Repubblica e sull’Unità, le notizie sono relegate nelle pagine interne. Ribatte così il direttore Sallusti a Bersani, al quale ricorda di aver risposto in maniera del tutto evasiva alle ficcanti domande che gli ha posto Travaglio sulla questione morale che riguarda ed investe anche il PD, i suoi rapporti malati col mondo degli affari e dell’impresa che lasciano pensare a maglie certo un pò larghe in quanto a codice etico, di cui però mena vanto rivendicando al maggior partito della sinistra di aver posto al suo interno pregiudiziali regolamentari e procedurali che alcun partito si è dato perché degne di un processo giudiziario. Dalema ha definito il Fatto Quotidiano un giornale “tecnicamente fascista”, Tedesco ospite di Telese e Costamagna ad IN ONDA, ha suggerito di togliere il “tecnicamente”, ma se il cogliere le contraddizioni, il mettere insieme i dati d’archivio per rendere un’analisi attendibile e per quanto possibile precisa significa essere fascisti, facciamo allora nostro il revisionismo storico di De Felice e proviamo a far comprendere alle anime candide della liberaldemocrazia che il costo della libertà non può essere pagato con la menzogna.

(Visited 13 times, 1 visits today)
FacebookTwitter
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.