I Razzi suoi vanno bene, fate attenzione ai vostri

Fate attenzione ai Razzi vostri, correte il rischio di sentire la Digos bussare al campanello di casa. Antonio Razzi, l’operaio emigrante deputato per Razzi suoi in attesa di vitalizio come candidamente confessa in un dialogo privato reso pubblico, gira alla Polizia tutta la posta che riceve e siccome in Italia finiscono in galera solamente i poveracci, vi suggeriamo di NON fargli più sapere che cosa pensano di lui gli italiani. Per meglio farci comprendere come vanno oggi le cose in Italia, Razzi ha scritto un libro nel quale racconta la storia di un lavoratore che arriva in Parlamento, una storia che ha commosso così tanto Berlusconi da scrivergli la prefazione gratis a differenza di quanto era solito fare coi compagni di classe ai quali faceva i compiti in cambio di una ricompensa. Perfino Sgarbi si è scomodato per Razzi suoi e gli ha scritto una nota introduttiva speriamo senza parolacce.

(Visited 15 times, 1 visits today)
FacebookTwitter
Questa voce è stata pubblicata in politica, società e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.