I politici fanno pena, ancor di più i tecnici che li rincorrono

I politici fanno pena, ancor di più i tecnici che rincorrono il loro consenso. A dirlo è il rottamatore rosso, l’anti Blair, l’anti moderato, l’anti Giavazzi, l’anti Monti, il “miglior Governatore d’Italia” come l’ha definito De Benedetti, quel comunista sobrio coi conti in ordine della sua Toscana, Enrico Rossi quello che dà dello “scostumato” a Renzi, in partenza sui binari del treno vuota il sacco e senza mezzi termini dice che questo di Monti altro non è che un Governo Berlusconi “sotto mentite spoglie”. Lo stesso governo liberista che ha ridotto l’Europa in braghe di tela. Il PD dev’essere orgoglioso perché è l’ultimo partito sopravvissuto e non può che confrontarsi col popolo e non può che stare coi lavoratori diversamente da quanto pensano i “blairiani”, deve diventare il partito socialista europeo per salvare un bipolarismo cazzuto, vero sistema dell’alternanza. I moderati per Rossi sono la malattia mortale della sinistra così come le liste civiche sono ridicole mentre dopo Monti a fine legislatura, ci sarà una gran voglia di sinistra ed è l’occasione per costruire un partito forte che unisca lo schieramento e nel quale deve entrare anche Vendola perché che “ci fa lì fuori da solo”. E Vendola risponde ricambiando l’invito con l’offerta a Rossi di entrare in Sel.

(Visited 12 times, 1 visits today)
FacebookTwitter
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.