covid-19, no vax e globalisti se la vedranno brutta nei prossimi anni

Ad eccezione del vaiolo, non abbiamo mai sconfitto un virus ed il sars-cov-2 è un vero portento, un parassita poderoso dal genoma tre volte maggiore dell’HIV, con le parole schiette e semplici proprie della scienza, Maria Rosaria Capobianchi, la scienziata da venti anni alla guida dei laboratori dello Spallanzani, rende onore alla virologia e fa giustizia di tutte le ideologie mondialiste che negli ultimi decenni hanno minato le fondamenta delle civiltà democratiche. Procidana, di umili origini, la sessantasettenne Capobianchi, dalle cui parole anche i ragazzetti di “Fridays For Future” potrebbero trarre utili insegnamenti piuttosto che trastullarsi nelle illusioni destinate a cadere miseramente con la maturità, ci chiarisce che le robustezampette con le quali il covid-19 afferra e s’impadronisce delle nostre cellule polmonari sono pericolosissime e difficili da mozzare. Entra come un ladro che ha il doppione delle chiavi di casa e ne esce solamente quando ha completato la sua razzia svuotando la cellula di ogni “avere”, al solo fine di moltiplicarsi e passare alla successiva. Ci costringerà a vaccinarci ogni anno, analogamente a quanto accade per l’influenza infatti, sarà necessario tarare il vaccino perché risulti efficace a prevenire le sue modificazioni. Ma le parole asciutte della dottoressa Capobianchi poi, fanno giustizia di ogni teoria cospirativa e smontano pezzo dopo pezzo l’architettura della società aperta senza confini che darebbe uno slancio come mai nella storia, al progresso ed alla pace. Il virus ha camminato con i viaggi, afferma. Non ha attaccato gli italiani perché anziani o perché amano particolarmente la vita di relazioni. E’ giunto nella penisola sulle gambe di soggetti  estranei al contesto. Una minaccia portata dall’esterno che non ha trovato ostacoli e si è infiltrata nell’entroterra abbattendo per primi i nostro conterranei più fragili ed indifesi: gli anziani. Se i confini fossero presidiati ed i viaggiatori provenienti dai continenti a rischio fossero fermati sotto osservazione per un congruo numero di giorni, in Italia il covid-19 non avrebbe avuto modo di attecchire.

(Visited 145 times, 1 visits today)
FacebookTwitter
Questa voce è stata pubblicata in attualità, politica, società e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.