L’Italia passa di mano come un’olgettina

olgettineGilberto Oneto, uno che confonde il condomio nel quale abita con la sua patria, un sedicente storico che immagina un’Europa compresa tra le regioni ricche della Catalogna, della Baviera e della Carinzia non stava nei panni, oggi dalla Saluzzo su Sky ha gioito per il nuovo patto elettorale firmato con Berlusconi: “avremo l’euroregione autonoma del nord, tratterremo il 75% di tasse per noi e con il restante faremo l’elemosina a Roma. In sostanza avremo l’indipendenza della Padania. Piuttosto che vedere l’Italia passare di mano alla stregua di un’olgettina per 75 denari e salvare il suo impero mediatico-finanziario, noi siamo di quelli che sarebbero capaci di votare Bersani e sopportare Vendola per cinque lunghi anni se Monti non fosse salito sulle tavole del teatro politico. Non riusciamo ad immaginare come si possa vivere in una terra che non sia più l’Italia perché dei fratellastri egoisti cogliendo l’occasione favorevole che la storia ciclicamente ripropone, stringono alleanze strumentali coi peggiori briganti meridionali senza scrupoli e si ripromettono di afferrare e tenere tutto per sé un bottino da investire in ori e diamanti, auto e belle donne come c’han fatto già vedere. Al sud non esistono i moderati, non sono mai esistiti i conservatori, al meridione vive e si arrabbatta una società fragile in bilico perenne tra povertà assoluta e provvidenze pubbliche, incapace di generare occasioni di sviluppo motu proprio come meriterebbe un paese ad economia avanzata quale l’Italia. Berlusconi lo sa e lasciando balenare la libertà di delinquere impuniti, può riuscire come nel passato ad arruolare schiere di questuanti ed intellighentia anarco-criminale che sommati ai voti dei barbari sognanti oro e diamanti può accadere che si ritrovi nuovamente in piedi a fare dell’Italia un’orgia tale da morire di piacere.

(Visited 23 times, 1 visits today)
FacebookTwitter
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.