Coi soldi non si comprano idee

I soldi ai partiti servono a garantire la democrazia, lo dice Dalema ma anche la Bindi, Bersani, Vendola e tanti altri che come loro hanno fatto della politica la fonte di reddito unica con posto garantito a vita da indennità faraoniche e vitalizi da nababbi. Secondo questa tesi i soldi comprerebbero le idee o meglio, permetterebbero che queste trovino albergo nelle menti e nei cuori di milioni di uomini e donne. La bontà di un’idea e la valenza di una proposta politica sarebbero direttamente proporzionali al capitale finanziario investito per divulgarla. Oro, diamanti, sesso e lussuria e via, marciamo a gonfie vele verso Palazzo Chigi. Il misero epilogo cui assistiamo smentisce nei fatti l’equazione: soldi uguale democrazia. Il fiume di denaro pubblico o privato non ha garantito un bel niente ma è stato, anzi è l’occasione, che ha fatto avvicinare alla politica personaggi senza né arte, né parte animati non da spirito ideale ma da interessi che con il bene comune non hanno niente da condividere. Quanto maggiore è stato il patrimonio messo a disposizione di ladri, puttane, cornuti e lacché, tanto minore è stato il grado d’indipendenza, d’intelligenza, di merito ed anche solo di capacità sul piano squisitamente politico di uomini e donne arrivate all’agognata meta della rappresentanza popolare. Soldi, garanzia di democrazia è un’equazione impossibile. Errata e malamente impostata per giustificare una politica povera d’idee esercitata da meschini ed incapaci, mediocri consapevolmente eterodiretti da centrali di potere finanziario e fazioni d’interesse bramose di ritagliarsi un ruolo che altrimenti una selezione naturale terrebbe opportunamente lontane.

(Visited 26 times, 1 visits today)
FacebookTwitter
Questa voce è stata pubblicata in politica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.